Theodor

Guerriero (2 mani)

Description:

Theodor non è un umano particolarmente “grosso” ma non ne ha certo bisogno per incutere timore.
Gli anni di addestramento militare gli hanno conferito un fisico tonico con spalle larghe pronte a sostenere le armature più pesanti; ha intensi occhi verdi e lunghi capelli rossi che scendono sulla schiena uniti ad una folta barba.
L’abbigliamento cerca sempre di unire l’efficienza con una cura per l’estetica.
Combatte sempre con un grande spadone a due mani.
Theodor è orgoglioso, ambizioso e spesso pecca di vanità ma allo stesso tempo è generoso e determinato nel difendere i propri amici ed alleati.
L’educazione militare ricevuta dal padre unita a quella borghese della famiglia materna gli hanno conferito una predisposizione alla politica, che gli ha permesso di arrivare rapidamente a ruoli di grado nella milizia.
A volte cade vittima di un odio cieco verso i nemici che gli hanno valso il soprannome di “the Merciless”.

Bio:

Theodor , “the Merciless”
by C. Spencer “the White Bard” Blacksmington

In un castello viveva un amichevole ed importante giovane soldato di nome Theodor.
Non era un castello affascinante, pieno di tesori ed auree magiche ma neppure povero, con niente in esso per sedersi o da mangiare: era una guarnigione e per la sua famiglia questo significa comodità.
Un giorno, un piccolo plotone elfico della zona fece visita a Magnus, il padre di Theodor . Non portavano “buone nuove” ma notizie di un imminente pericolo. Due potenti artefatti erano finiti in mano a nemici comuni sia alla razza elfica che ai giovani umani e questo avrebbe messo tutti in pericolo.
Theodor lasciò quindi il suo castello e si unì ad un gruppo misto di avventurieri con abili esponenti di entrambe le razze, in quella che fu la sua prima avventura lontano da casa, alla ricerca delle “Due monete del sole”.
Il giovane soldato ebbe presto modo di conoscere meglio creature come orchetti, goblin e qualche troll ma soprattutto fu l’inizio della sua amicizia con Elendela, una giovane elfa druida. Non c’è nulla di meglio nel fortificare le amicizie quanto il salvarsi la vita a vicenda.
Nella ricerca per le monete, Theodor sorprese anche se stesso con il suo coraggio e abilità come soldato.
Fu in questo momento che lo conobbi… ma ne parleremo più avanti.
Durante il nostro viaggio, Theodor recuperò un spadone che gli fu molto utile anche in seguito. Da quanto mi risulta lo custodisce ancora…e ben protetto.
Quando rientrammo con successo dalla nostra impresa, una delle monete fu affidata in custodia a Magnus, mentre dell’altra se ne prese cura Elwë Oronar, il principe elfico che custodiva la vicina foresta.

Theodor

La rinascita DM_Gomma DM_Gomma